PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il vento

Dimmi vento spensierato
In quali posti hai viaggiato

Quali profumi hai sentito
Quante nuvole hai rapito.

Sei composto di niente
Ma ti sento ugualmente

Forse paradosso della vita
Sempre amata e mai capita.

Che fugge veloce e tutto d’un fiato
Se la rincorri sembra tempo sprecato

Perché il vento arriva improvviso
Passa tra i capelli e ti sfiora il viso

E poi fugge in mezzo alla gente
Con fare indifferente

Dove nasci?
Dove finisci?

Non ti fermi mai un momento
A volte il tuo fischio pare un lamento

A volte sali su nel cielo stellato
A volte accarezzi con una mano il prato

E io ti accompagno con il pensiero
Stringendomi per il brivido, lungo il sentiero.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • sara rota il 09/10/2007 19:58
    Molto graziosa... io adoro il vento di primavera, meno quello degli uragani.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0