PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Follie epatiche (1a parte)

Nel rinvenire alla vita
mi diagnosticai una falla
che, tra pensieri folli,
la mente mi spegnea.
Fu con estremo sforzo
di ciò che mi restava
dopo immani tentativi
di colpo la tappai.
Non era altro che
l'amara epatopatia
di familiar riscontro,
d'emblée riconosciuta,
che tanti e tanti danni
a me avea arrecato.
Per la sua etiologia
non altro vi trovai,
sono le "amorevolezze"
a queste alfin pensai.
Son quelle cose che
s'ingurgitano per sommo amore
ma poi, quando troppe sono,
il mal ti vai a cercar
con questo inglorioso termine
di tal epatopatia
che può significar niente
o grave mal celar.
Ma io cosciente e dotto
in breve la combatto,
lo si vedrà il più forte!
Perfida ingannatrice,
mi cambi pur di sembianze,
da iena dissanguatrice
mi passi a mo' di talpa
e scavi, scavi, scavi
tentando scacco matto
con i tuoi paladini della glissoniana.
Tu, prima mia corazza,
sostegno in ferratura
della primiera struttura,
che fai, mi ti rivolti
con aggressor impavidi,
ma resta nei tuoi limiti,
non sconfinar
nella limitante sacra che,
ahimè, perso questo presidio,
la pugna è ormai fatta.
Di voi protettori epatici
è meglio non parlare
ché, in caso di battaglia,
il vostro posto so.

12

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 04/06/2015 07:36
    Sono le falle farfalle di un mar celato.. a volte gelato.. congelato.. e atto s farci.. sconfinare..
  • Rocco Michele LETTINI il 04/06/2015 07:24
    E chi meglio... potea diagnosticare una falla... apertura malefica che deturpa... apertura infame che porta tanto danno... Il mio saluto Francesco

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0