accedi   |   crea nuovo account

Una poesia per un libro

Vissuta appariva una storia
tra pagine di carta ingiallita,
così la sua essenza sì grave,
dal tempo strappata.

Tra le righe s'aprivano spazi
dilatati da sogni ed emozioni,
immensi quei mondi illusori,
libertà d'onirici luoghi.

Una sola vita aveva vissuto
all'età di cent'anni quel vecchio,
ma mille, credeva, ne avesse trascorse,
a dir poco, grazie ai libri già letti.

Oziato tra gli spazi più angusti,
tra fragranze di carta stampata,
gli pareva di aver navigato
tra le onde dei mari più vasti.

Al limitare giunto del suo tempo,
recava ai sogni visioni d'infinito,
nutriva i libri di quelle visioni
che d'infinito avean nostalgia.

E fu così che all'avanzar degli anni
parlava ai giovani l'idioma dei mortali,
il linguaggio delle cose e quello degli dei:
nasceva in loro amore di lettura.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Marco Galvagni il 07/06/2015 21:12
    Una bella poesia che, prendendo spunto dall'esperienza e dalla dolcezza di un vecchio, esprime in modo semplice e compiuto l'importanza della lettura.

1 commenti:

  • Antonio Tanelli il 04/06/2015 22:51
    Bella bella bella! solo un piccolo appunto per un visioni di troppo a mio parere. complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0