username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Foschia

Il mondo è un costrutto di immaginazioni
sovrapposte
le une alle altre

dove
ognuno tenta di imporre la propria esistenza al buio della notte

lo fa il fiore in bellezza
lo fa la pantera in astuzia e selvaggia forza

immagina se i monti iniziassero a costruire castelli e i mari piscine esponendo un cartello con su scritto proprietà privata


Cosa resterebbe all'uomo

 

2
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Marysol il 06/06/2015 08:42
    Siamo ciò che vogliamo essere e abbiamo ciò che riusciamo a carpire al mondo, l'umano come il tutto che si fa spazio per esistere..
  • Don Pompeo Mongiello il 05/06/2015 12:33
    Se ognuno stesse a casa loro, tutti saremmo veramente felici. I monti e i mari nostrani appartengono ai solo locali.
  • Rocco Michele LETTINI il 05/06/2015 07:49
    Cosa resterebbe all'uomo? Solo uno spazio morto... Solo un interminabile deserto... Cotanta foschia... nel suo agire... un parlare a vuoto soltanto... Espressivo verseggio Vincè...

3 commenti:

  • giuseppe gianpaolo casarini il 06/06/2015 09:55
    Bella riflessione poetica
    bravo
    ggc
  • Raju Kp il 06/06/2015 08:27
    Satchitananda... ma sapeva che tutto il mondo vive nella falsità' ciao vicenzo
  • roberto caterina il 05/06/2015 08:56
    L'importante forse è passare dall'immaginazione alle immagini...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0