PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Delusione

Sogno l'anoressia mentale per i giorni bui e le notti vivide
Odo il fragore dell'incompletezza attanagliata al volere, come per sminuzzare ogni parvenza dell'essere.
Guido nella carne cicatrici come treni taglienti sui binari divelti
Conoscenze attestate in ampi spazi, aspiranti gli occhi degli ignavi
Riempiono le ferite di sale e rostri arenosi le orecchie
Defraudati della propria vanagloria come mondati di ogni reminiscenza
Escono nell'assolo delle loro empietà lisergiche
Tossine che appestano l'essenza di esseri vacui
Vincoli umani serbati in frigo come latticini
Marchiati da torbide scadenze il cui tempo è andato
Come esseri voltati a non vedere.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 09/06/2015 06:12
    Si avverte veramente un senso di delusione attraversare la composizione, benché ogni singola parola, ridondante, pesante, volutamente colta, sembra voler sviare e confondere il lettore.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0