accedi   |   crea nuovo account

Struggimento/primo e ultimo atto

Sono una rosa al vento
privata delle sue parti più importanti,
pulsanti,
senza più attrattive per api
che continuano a ronzarmi attorno,
a vuoto.
E tu,
ora tu tocchi un altro volto
un altro corpo,
riempi altre case vuote...

Tocco liscio marmo
ma invece di apprezzare la sua bianca bellezza
sento solo freddo.
E tu,
ora tu stai con lei,
con lui.
Ma dimmi
che non mi lascerai qui morto ammazzato
in una pozza di dolore
e sangue secco.

E dimmi che tornerai da me
anche se non ritornerai.

 

2
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 12/06/2015 09:12
    mentimi... ma non distruggermi... ho pozze di dolore e sangue secco...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0