accedi   |   crea nuovo account

Il mare

Oh scoglio dimmi cosa raccontare
di colui che ti ama, del tuo immenso mare.
Solo che io possa trasmetterlo a colei
che amore accese nei sentimenti miei.

In lui talor, gioioso, io mi immergo,
al dolce rinfrescar, le membra porgo.
Ma a lei vorrei far capire
che è un sogno già poter solo vederlo.

Il Glauco Jonio voglio decantare,
i suoi colori profondi esaltare.
Di blu e verde sono le sue onde
che lascia scivolare vagabonde.

Di notte con le stelle e luna piena
i brividi fa scorrer sulla schiena.
A timidi innamorati fa preghiera
d'accomodarsi sulla sua scogliera.

Canta canzoni dolci e appassionate
dalle sirene stesse suggerite.
Conserva nel profondo dolci promesse
che un caldo bacio suggellato avesse.

La sua canzone in fondo è sempre quella
che cantava Glauco alla sua Scilla,
Orsù vieni, te la farò ascoltare,
non sono Glauco però... la vuoi sentire?

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Rosarita De Martino il 30/08/2015 19:57
    La bellezza del nostro mare si interseca e si confonde con lo spumeggiare dell'amore che sazia l'anima di luce. Con simpatia. Rosarita

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0