accedi   |   crea nuovo account

Il sogno struggente

Ardo dal desiderio remoto del cuore
d'accarezzare con tocco docile,
nel vento, le ciocche dorate di lei
e di perdermi nei suoi occhi nocciola.

Lei è il sogno struggente in me
del baluginio d'un astro nel buio
che illuminerebbe di vita la via
del mio incedere tra le onde di tempesta.

Vago ad un chiarore di luna tra i muri
ingialliti delle case, i neon delle strade
in modo soffuso illuminano carte
dalle quali fuoriesce la sua fotografia.

Nell'alba raccolgo vecchi giornali
i cui titoli parlano della sua voce lieta,
rincaso e mi copro con un manto di lenzuola
tentando di calarmi in un sonno agitato.

Il micio s'intrufola nel letto
e allora m'alzo, m'osservo la barba ispida
tra le crepe dello specchio
e poi gli racconto del suo sorriso.

 

1
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • stella luce il 14/06/2015 17:38
    Ottima... i gatti sono magici a loro tutto si può raccontare...
  • Rocco Michele LETTINI il 13/06/2015 11:01
    Hai lasciato un sogno. Portar che cattura l'attento lettore... Il mio elogio e il mio lieto weekend...

4 commenti:

  • eleonora il 15/06/2015 14:57
    Molto bella, piaciuta!
  • Rocco Michele LETTINI il 13/06/2015 14:12
    Scusate il refuso... POETAR e non portar...
  • Domiziana Gigliotti il 13/06/2015 12:31
    Mi è piaciuta tutta questa lirica, ben scritta, in particolare le prime due quartine dove si sente il desiderio profondo di Lei. I sogni spesso "distruggono" l'anima.
  • Ada Piras il 13/06/2015 10:18
    Bella poesia... un sogno ben raccontato.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0