PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Omaggio a Giovanna Mulas

Balla sull'orlo del precipizio, sotto la tempesta! Da riflessioni Pensieri di Giovanna Mulas

Le correnti che muoveranno la bottiglia sono quelle delle Tue labbra
come Poeta
lasciale andare

e fidati

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 15/06/2015 07:53
    UN OMAGGIO SAPIENTEMENTE DONATO... A LA CELEBERRIMA NUORESE... POETESSA DEI NOSTRI GIORNI... IL MIO ELOGIO E LA MIA STIMA...

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 15/06/2015 07:07
    Giovanna Mulas

    Balla sull'orlo del precipizio, sotto la tempesta!
    Anima alle labbra, lasciala fuggire nell'Oltre. Come poeta ti canto l'amore eterno e, fidati, io so che esiste, so che è vero. Ma non chiedermi un Come.
    In un futuro mai del tutto nostro, dove l'arbitrio è o dovrebbe essere libero, ciò che m'importa davvero è solo questo sentimento, in tutta la sua integrità e purezza.
    Il resto è vanità.
    Pensa al naufrago che getta in mare una bottiglia: può immaginare quel salvatore a cui ha indirizzato il suo messaggio, o almeno spera in un salvatore. Ma ignora verso quali rive le correnti porteranno il suo messaggio. Le correnti che muoveranno la bottiglia sono un destino che possiamo modificare o meno, il mare da attraversare è la vita, le rive sconosciute il termine dell'esistenza.
    Buttare la bottiglia e sfidare le correnti senza timore, beneficiare non del tempo più lungo, ma di quello più amabile, e dei desideri naturali, necessari alla stessa esistenza ché la felicità, se davvero può esistere felicità in un mondo dove gli uomini nascono uguali ma non sviluppano come tali; è fatta di istanti. E basta un istante per farla svanire, così come ci è sembrato di sentirla arrivare. Fuggire la malformazione dell'anima, la mancanza di misura, le opinioni scosse da ambizione, quell'angoscia che violenta la ragione.
    Tutto passa amico mio, nulla permane: tutto, in fondo, è vanità. Penso che occorra riscoprire, rimarcare costantemente i valori autentici: amore, rispetto, esperienze condivise nel bene e nel male, male per me inteso come afflizione dell'anima e che, comunque e sempre, può arricchire. Aprire lo scrigno, denudare ciò che fa evolvere l'Uomo in quanto tale.
    Muovere verso la verità e già questo è amore: tenere pulito lo specchio.

    (da 'Riflessioni, Pensieri')

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0