accedi   |   crea nuovo account

Liberaci dal male!

Lo ricordo bene quel lento marciare sulle rotaie
i campi di grano
oro nel pittoresco affresco
che i miei occhi coglievano.
Paesaggi lontani che il fischio del treno
coccolava
anfratti che ora riaffiorano
nei litorali di questa terra che vive
nelle sue pietre secolari
le emergenze di qualcosa d'impalpabile.
Forse è cosi padre!
parlavi di un vile mondo
di un impero
che è pseudonimo di potere
rosso come il fuoco dell'inferno.
Un patto con il diavolo?
il dolore cresce
ho voglia di gridare
liberaci dal male o Signore!
dacci ancora il nostro pane quotidiano!

 

4
4 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ciro giordano il 16/06/2015 22:15
    Si il diavolo c'entra in questa nostra storia, ma il diavolo non è altro che un'antica colpa che ci ricade sul capo... Sullo sfondo un mondo millenario, ancestrale, bellissimo, anche nel ricordo che è minacciato, forse già segnato... Ma la preghiera serve, io dico che serve... molto bella cara Ninetta
  • Anonimo il 15/06/2015 15:25
    e speriamo che il pane quotidiano non sia tanto stantio!
  • Rocco Michele LETTINI il 15/06/2015 09:42
    Lieta settimana Antonina...
  • Vincenzo Capitanucci il 15/06/2015 08:43
    la mente umana ha fatto un patto con il diavolo.. e molti devono andare a cercarsi il pane in inferno.. stato.. nazione.. imperi di un vile frammentato mondo.. mentre il fischio del treno... viaggia coccolando... qualcosa d'impalpabile.. ma nei nostri cuori come binari presenti...

4 commenti:

  • Fabio Magris il 18/07/2015 11:32
    Una preghiera che alla fine aumenta di intensità e diventa un urlo. Una poesia che sottintende più di quel che è scritto. E lo si intuisce perché ci stiamo sprofondando in questo sistema di cose. Tuo padre aveva visto giusto...
  • maria angela carosia il 18/06/2015 13:02
    Intensa e vera, questa tua poesia. Ciao Antonina
  • Anonimo il 15/06/2015 15:24
    Ciao Antonina,
    in Sicilia i denti affilati li chiamano "scagghiuna", ma ce l'hanno solo i furbi!!
  • Rocco Michele LETTINI il 15/06/2015 09:41
    Una chiusa... come avallo... di un verseggio espressivamente corredato... Che il pane quotidiano... non manchi... in nessuno... Che il diavolo non ci catturi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0