accedi   |   crea nuovo account

Vendetta

Che ferita
hai inferto
al mio cuore
amica migliore.
Mi hai lasciato
a rimpiangere
l'infinito amore.
E gli anni
si son susseguiti
fra lacrime
e affanni.
Ora che il destino
ha fatto il suo corso
ti trovi da sola
con il tuo rimorso
a cercare sollievo
vestita di nero
fra i cippi marmorei
di un cimitero.
Sei vecchia e malata
accenni un saluto
andando di fretta.
Vederti soffrire
è la mia vendetta.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Ellebi il 16/06/2015 00:02
    Micidiale davvero, e neppure il tempo rende inutile questa vendetta? Complimenti e saluti.
  • Stanislao Mounlisky il 15/06/2015 19:17
    La vendetta è un piatto che va servito freddo... e le piatte e fredde delle lastre di un cimitero rendono benissimo l'idea.
    Grande! Stan

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0