accedi   |   crea nuovo account

Nelle mezze stagioni

Alla fine dell'inferno
su pareti umide e scure
appare un dipinto, raffigura:
incubi e orrori.

È inutile scappare,
rosso sangue,
ovunque.

Hai comprato un'orchidea oggi
hai comprato un'orchidea per farmi piacere oggi
hai comprato un'orchidea per me oggi
per comprare il mio amore,
ma sai già che il mio amore non sarà mai tuo.

C'è eccitazione nell'abitacolo di questa macchina,
tra due corpi, c'è complicità.
Tu mi chiedi: " Vero che mi ami tanto?"
E io travaso la risposta nel gesto:
ti abbraccio,
ti tocco,
ti cerco.

In questa stanza,
su questo letto
è appena nato un nuovo e afoso sole.
C'è del non-senso.
Eppure ci sono giorni in cui questo mi appare così nitido:
tu sei tutta la mia vita e io la tua.


Tu corri e aspetti:
sei in attesa di un addio
(l'orchidea è appassita, l'orchidea è orrendamente marcita!)

E i brutti quadri non mi spaventano più nei miei sogni,
nelle mezze stagioni di inferni fasulli e prefabbricati.

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 27/06/2015 11:35
    Accidentato percorso di sentimenti ed emozioni chiuse nell'abitacolo della nostra mente. Molto interessante questo tuo lavoro Fri

2 commenti:

  • denise il 24/07/2015 16:41
    this is fucking awesome!!!
  • roberto caterina il 19/06/2015 12:23
    Non male il concetto di inferno delle mezze stagioni...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0