PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I quattro colori dell'Apocalisse

Ci separarono in anima
come se fossimo materia senza spirito

Ti fecero uomo mi resero donna

senza più capirci
le nostre babeliche bocche iniziarono a parlare lingue diverse

a loro idea
i figli delle nostre menti
furono allevati con culture e religioni differenti

Ti fecero angelo mi resero demone

ci colorarono i corpi di bianco rosso giallo e nero

- "Fu dato loro potere sopra la quarta parte della terra per sterminare con la spada, con la fame, con la peste e con le fiere della terra (Apocalisse 6, 7-8) - "

ed
anche il cuore per indifferenza mi abbandonò

prese il largo da me sentendosi uno straniero nello stretto petto del mio sentire

Eppur tra me e me
se mi fossi riconosciuto completamente nell'altro

sarebbe bastata una semplice carezza per guarirci da ogni male

 

2
3 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 22/06/2015 17:43
    Un alloro dovuto per questa tua stupenda!
  • Marysol il 22/06/2015 14:13
    Si per redimere davvero qualcuno (e noi stessi? perché no...)
    a volte basterebbe aprirgli il nostro cuore, con amore, e attendere che ciò dìa i suoi frutti... e questi apra il suo di cuore...
    Come sempre tocchi le corde Vincenzo...
  • Anonimo il 22/06/2015 13:32
    Cultura, classe, parole d'amore. Molto bene.
  • antonina il 22/06/2015 07:26
    complimenti!! veramente bella questa tua.. un momento tragico per le persone che vivono in condizioni di estrema miseria, che fuggono dalla guerra.. che sfidano la morte sui barconi. Abbandonati come cani randagi, da cui stare a distanza e cacciare.. ma dove è finita la dignità degli esseri umani? perché di dignità si tratta.. bisogna viverle certe esperienze per capire.. invece di prendersela con queste anime disperate perché non chiudono le fabbriche di armi e mettono in galera i trafficanti e coloro che lucrano sulla pelle delle persone sfortunate. grazie Vincenzo.. ripeto.. la poesia è bellissima e fa riflettere.
  • Rocco Michele LETTINI il 22/06/2015 07:17
    Un passo biblico straordinariamente in versi... non mancando di espressività e... riflessione...

3 commenti:

  • Stanislao Mounlisky il 24/06/2015 10:15
    Incombenti, disumani "dei ex machina" agirono, e agiscono, con logiche crudeli. Ma ogni individuo ha in sè la possibilità di non scollegare il cuore...
    Complimenti, Vincenzo. Bellissima poesia
  • Ada Piras il 22/06/2015 10:23
    Mi associo agli altri commenti... buona giornata
  • Anonimo il 22/06/2015 08:38
    Questo basta Mr. Capitanucci!
    "sarebbe bastata una semplice carezza per guarirci da ogni male"

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0