username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Le stanze dei ricordi

ti accorgi di quanto son meri
certi sipari leziosi
quanto è vana una farfalla variopinta
e che signora
quella falena
tinta farina che muore d'amore
sulla lampadina
La sua breve vita schiantata nella passione
Uomini d'argento
senza anima e senza follia
vivono in un mondo senza lacrime
e senza affanni
Non sanno del contadino nella notte
che bacia la croce per un fiocco di neve
e corre nell'aia a coprire le messi
con un poco della coltre raccolta
ride
con lei che è paffuta e un poco sciocca
la sua madonna
lei che non ha fotografie
nè poesie
nè racconti speciali
C'è il cantastorie
nelle sere
C'è un mazzo di fiori
sul legno
Fiori da poco
Figli di Dio
Storie trasparenti che muovono la terra
Bimbi ninnati
dal sorriso verace
Il cibo del mondo
Lontano dagli occhi degli sciocchi
ingrati per caso.

 

2
3 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Fabio Realacci il 27/06/2015 19:37
    Resto stupito! Elogio ai tuoi versi che narrano della vanità umana.
  • frivolous b. il 27/06/2015 16:58
    Una poesia che culla e ammonisce allo stesso tempo, brava!
  • Rocco Michele LETTINI il 27/06/2015 12:04
    Riflessione... a più non posso. Non resta... che meditare... per migliorarci. Sereno weekend Sabrina.
  • Don Pompeo Mongiello il 27/06/2015 12:03
    Un plauso floreale estivo per questa tua straordinaria davvero!
  • silvia leuzzi il 27/06/2015 11:18
    Sabrina complimenti davvero una poesia ricca di significati, che si evincono lettura dopo lettura di ogni singolo verso. I ricordi suddivisi per stanze, perché la nostra testa ha chiuso tante porte e aperte altrettante, perché la vita è un susseguirsi di immagini vere e fantastiche che costruiamo per sopportare il freddo umido del quotidiano. Ma questa è solo una delle tante letture e spunti che offrono questi tuoi bellissimi versi. Un abbraccio e buona domenica Sabri

3 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 28/06/2015 10:02
    Fa Lena

    Quella falena che ignora
    di essere bimba innata
    e
    muore... bellissima Sabrina..
  • salvo ragonesi il 27/06/2015 19:43
    versi che denotano tante riflessioni del vissuto. saluti salvo.
  • Chira il 27/06/2015 09:00
    La vanità dell'apparire e l'intensità del vivere nella normalità, nelle cose di ogni giorno sudate, essenziali e piene di vera vita. Bella bella, Sabrina!
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0