username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Esperimenti poetici

Mi svolgo
papiro di carne
su queste pagine bianche;
bianche come mani divine;
divine madonne danzanti;
danzanti lettere ballerine;
ballerine le idee che produssero.

Nuda essenza di parola;
parola che prende il sopravvento;
come il vento di sopra
porta pioggia a ogn'ora,
la nudità si lascia spogliare
e non rimane il senso;
il senso retorico che guida,
guida come un pazzo
" a fari spenti nella notte "
come dice una vecchia canzone.

Di quello mi voglio nutrire.

 

1
5 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 28/06/2015 07:34
    La nudità si lascia spogliare: è un'immagine che mi è piaciuta..
  • David Di Meo il 27/06/2015 21:50
    complimenti per la metrica
  • Fabio Realacci il 27/06/2015 19:48
    Lettere, parole, idee ispirate per confermare la veridicità della retorica. Insuperabile bravura.
  • frivolous b. il 27/06/2015 16:50
    E fai bene! belle immagini, e in generale ottima poesia, mlt profonda!
  • Rocco Michele LETTINI il 27/06/2015 12:14
    Nutrirsi di poesia... Esperimenti dell'anima per catturare chi un sentimento non ha... Questo esprimi diligentemente in straordinari versi... Sereno weekend Silvia...

5 commenti:

  • silvia leuzzi il 29/06/2015 09:50
    Grazie BOB
  • silvia leuzzi il 27/06/2015 22:03
    Sono davvero basita per tanto successo. Sono contenta vi sia piaciuta. Un saluto e un abbraccio a tutti voi grazie grazie grazie
  • salvo ragonesi il 27/06/2015 19:29
    tutti gli esperimenti in poesia sono validi come questa tua. ciao salvo.
  • Vincenzo Capitanucci il 27/06/2015 17:06
    Noi
    e
    l'infinito

    lasciati
    spogliare
    da un foglio di carta bianca... quinto tentativo di postare un commento.. sarà quello buono..
  • Anonimo il 27/06/2015 12:53
    Che meraviglia lo srotolarsi di un papiro di carne su carta bianca, non carta di macellaio, ma vergatina sopraffine per nostra poetica alimentazione.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0