accedi   |   crea nuovo account

Terre antiche di liguria

Limpida e ridente va l'acqua
si infrange contro l'antica roccia
e ad essa cede e poi si spacca
la tagliente pietra la in fondo e così rinacque

Scoscesi e rotti gli antichi sassi
inerpicati stan nel selvaggio posto
scendono al mare così è disposto
in gole profonde la per poi inabissarsi

Profonde e verdi son l'acque
che da sempre lambiscono la brulla riva
davanti a loro l'acqua è di barriera priva
portare può nell'immenso l'animo e dove li tacque

Terre antiche di Liguria
nulla rimane qui eternamente
e dell'impari scontro vinto è alternativamente
nell'infinito abbraccio dove il tutto è furia

Terre che portano dentro il sudore
dell'andata gente che amar vollero questa terra
rubandola al mare e portando qui questa serra
che ancora ora si affaccia sul baratro con nuovo ardore

Salir il gradinato tratturo
che tortuoso va sulla cima del monte
abbozzato nella pietra e a loro contorno le selvagge fronde
si innalzano sui secchi muri che ancora stanno a guardare il futuro

La in fondo l'arroccato Paese, della prima gente
che vollero vivere il mare e il monte per sentir così il vento
insieme stanno il franco e il genovese pur il saraceno nell'accampamento
e vivere insieme la roccia brulla che nell'infinito ancora si estente

Salire ancora il tratturo
e il dolore nasce dalle gambe e si estende
costringendo così a fermarsi e poi si attende
per salire la dove riposano e giacciono i resti imperituri

A guardare il cielo stanno
a rimirare la vissuta roccia e l'immenso mare
e ancora rivedere il rosso sole che lentamente scompare
delle terre antiche di Liguria ancora i ricordi mi accompagneranno.

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 29/06/2015 06:39
    Una costruzione complessa, imponente che segue il movimento del mare sulla roccia, del vento su una natura indomita. Una Liguria tortuosa che non può non affascinare e sedurre.
  • Rocco Michele LETTINI il 28/06/2015 07:21
    Quartine che lasciano emozionarsi... a la beltà de la natura... Un decanto straordinario... Lieta Domenica.

1 commenti:

  • Breus il 28/06/2015 10:25
    Grazie del Commento caro amico. Buona domenica anche a te

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0