PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Infinito riandare

L'inesorabile movimento
mi porta a girare come una mosca
su di una carcassa
senza mai fermarmi ad assaporar
la putrida carne
che sovrasto.

Sentire il vento che mi sfiora
trascinando via il passato
rende inesorabile l'attimo.

Un presente già passato.

Non permette ellissi
ma semplici linearità circolari.

E incontrandomi con le più lenti
e la più veloce sorte
delle mie sorelle,
che in un rinnovato cammino,
ritroviamo la stessa strada.
Ma portando sorte diversa.

Mi sento a dosso lo sguardo
di chi di noi ne ha poco
ma ne cerca una infinità.

Destino il mio
segnato dall'umana mano
di un dí
che nella ricerca
di una consueta
consuetudine
mi mise qua
a contare il tempo
verso
una sua dipartita

E anche la mia

Che ormai
vo incontrando.
Come al solito

per ricominciare

nuovamente

senza sosta

un altro

inesorabile

giro

senza fine
58
59
0

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 30/06/2015 06:27
    Si percepisce un senso di oppressione, quasi soffocante. L'essere che attraversa gli attimi, il preludio di un inesorabile destino.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0