PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'Arcobaleno

Verde il mare si getta con fragore,
coprendo sassi e l'ampia sabbia bianca,
giungendo lentamente, approda stanca:
si spande a riva senza alcun rumore.

Nel vento: iodio e forte odor di pesce,
e nell'aria pungente, acre e salmastra;
immersa, alta e nociva, un po' rossastra,
l'alga rossa che infetta le acque e cresce.

Negli scoppi dei tuoni, brevi canti;
frettolosi frullar d'ali nell'aria,
vola grigia e veloce procellaria;
battente pioggia cade fra gli schianti.

Sottile striscia azzurra all'orizzonte
che annuncia il luminoso ciel sereno;
s'allontanano i tuoni in un baleno
finendo nella luce dietro il monte.

Ed ecco tra gli squarci di sereno,
comparire improvviso e iridescente
il grande arco di luce: arcobaleno.

 

0
9 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 29/02/2016 09:36
    splendida... complimenti.
  • Don Pompeo Mongiello il 02/07/2015 18:33
    Un sentito plauso per questa tua sublime.
  • Breus il 01/07/2015 19:49
    Bella poesia, finalmente leggo una poesia con la metrica, ABBA interessante. ancora il ritmo è da migliorare, ma siamo sulla buona strada. Ti leggerò appresso volentieri.
  • Rocco Michele LETTINI il 01/07/2015 13:19
    Hai decantato un naturale fenomeno... straordinariamente. Il mio elogio Ver...

9 commenti:

  • Verbena il 16/07/2015 18:16
    Non ho cambiato Don Pompeo, qualche racconto l'ho sempre pubblicato. Mi sono impegnata di meno ed ho pubblicato ciò che già avevo.
  • Don Pompeo Mongiello il 16/07/2015 18:06
    I racconti non li commento, perché ti mentirei, io non li scrivo e nemmeno li leggo. Non capisco perché hai cambiato!
  • Verbena il 02/07/2015 08:26
    Un mio ultimo accenno a Breus. Sulle regole degli endecasillabi ci sono ampie pagine di regole sulla metrica italiana. Le trovi anche negli scritti dell'Accademia Alfieri. Forse non hai letto la mia correzione dopo che mi sono avveduta di aver messo "9" là dove avrei dovuto mettere 10. Comunque anche le prime regole sono applicabili al decasillabo.
  • Breus il 02/07/2015 07:48
    Ho letto la tua risposta.
    Molti dubbi sul ritmo, non è semplice riuscire ad accentare in modo corretto. Penso che tu, nella tua risposta, volevi riferirti al Decasillabo 3, 6 e 9 sillaba Ri/tor/NA/va-u/na/ RON/di/ne-al/NI/do come esempio. Quando tu parli di endecasillabi non certo gli accenti sono sulla 6 e 9 ma bensì sulla 4 e 10 endecasillabo a minore o sulla 6 e 10 a maiore. Questo mio dire è tanto per puntualizzare. Grazioe
  • Verbena il 01/07/2015 21:46
    Correzione: l'ultimo accento negli endecasillabi è 10 e non 9. Chiedo scusa per l'errore detto nel dare la regola a Breus.
  • Verbena il 01/07/2015 20:36
    Grazie anche a te Breus. Devo però precisare che il ritmo, ossia la musicalità dei versi, è tutta affidata agli accenti tonici che, negli endecasillabi, devono cadere sulle sillabe: 6-9 oppure 4-7-9 oppure 4-8-9. Io abitualmente scelgo il primo caso: 6 -9. Sulla 5/a sillaba MAI negli endecasillabi e come potrai verificare in questo mio lavoro, gli accenti sono tutti al giusto posto. Grazie ancora per il tuo apprezzamento.
  • Verbena il 01/07/2015 15:34
    Grazie Marysol, vorrei dirti anche che hai un bellissimo nome
  • Marysol il 01/07/2015 14:45
    Verbena, bellissima poesia, sembra d'esser là, vedere il mare che si getta sulle pietre, avvertire il profumo dell'alga rossa mista a sale...
    Udire i suoni del temporale, e vedere il volo d'un coraggioso uccello...
    Infine, attraverso i tuoi occhi, ritornar sereno il cielo e goder dell'iridato arcobaleno...
  • Verbena il 01/07/2015 13:30
    Grazie Rocco

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0