accedi   |   crea nuovo account

Il mio e vostro ciclo

Da la polvere vengo,
plasmato da mani divine
Uomo divengo,
si chiude il libro,
e polvere ridivengo.

 

1
6 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 02/07/2015 07:51
    Il corso della vita... magistralmente verseggiato...
  • Vincenzo Capitanucci il 01/07/2015 14:28
    Ridi vengo.. ma non è il mio ciclo.. Don .. fui luce e alla luce tornai..

6 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 01/07/2015 19:42
    Ride bene chi ride ultimo, e te da Lucifero impossessato sarai presto condannato, e nelle fiamme eterne come eretico brucerai.
    Quindi io vado a Dio e tu vai al diavolo.
  • Vincenzo Capitanucci il 01/07/2015 16:42
    hahahahahahahahaha Ad-dio Don...
  • Don Pompeo Mongiello il 01/07/2015 16:28
    Qui le nostre vie si dividono, e tu demone un giorno avrai di che pentirti nella lussuria de la tua carne ormai nemmeno più fresca.
  • Vincenzo Capitanucci il 01/07/2015 16:22
    Sai a volte ... Don... abbiamo visioni opposte.. ma ognuno di noi ha le proprie esperienze ed i propri credi ... ed è giusto che sia così .. magari sono abitato da un demone luciferino.. in quanto a chi è Dio ognuno di noi deve porsi la domanda e trovare la propria risposta.. ... Un caro abbraccio.. Don.. .. Forse su pr la pubblico domani..

    Il Libro di Vita

    Oh pagine inconsce
    sublimi i verseggi

    c'è un solo libro che contiene tutto il sapere

    Oh pagine consce
    sublimi i verseggi

    c'è un solo libro che contiene tutta la profondità dell'universo

    è
    il Tuo corpo

    sfoglialo con dolce fretta
    ed
    estrema passione

    prima che torni ad essere luce
  • Don Pompeo Mongiello il 01/07/2015 15:01
    A Capitanucci: se ho ben capito questo è l'esatto contrario della mia poesia, quindi tu sei la Luce, e Dio poi chi é?
  • Marysol il 01/07/2015 14:57
    Giuste precisazioni Don nei tuoi esatti versi, senza fronzoli, ma col garbo che ti è proprio, hai descritto la parabola breve della vita.
    L'ineluttabile finale è d'obbligo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0