PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Inno alla Notte

Notte, magnifica crudele notte!
M’invita fra le sue ombre
e forgia sogni che m’illudono
per poi disperderli,
alla luce del mattino,
nelle cellule blu della realtà.
Che mi sia concesso di vendicarmi
dell’ambigua notte,
che mi sia concesso di strappare
argentei petali di luce
dalle sue tenebre!

Notte, cosa ti feci, notte?
Perché ti accanisci
tenace
contro questa fanciulla
che ti adora?
Vuoi forse scacciarmi dal tuo regno
e rimandarmi
inerme,
ancora accecata dal tuo buio,
tra i dardi rosa dell’alba
e le infocate saette del giorno?

Notte, magnifica crudele notte!
Promette e non mantiene,
ipocrita.
Superba,
temeraria,
senza di essa che sarei?
Melma nella melma,
senza onore.

Notte, cosa ti feci notte?
Forse t’indigna
che questa melma
possa diventare oro
nei pochi istanti
in cui dimora nel tuo regno?
O forse ti divora gelosia,
nel dubbio che io voglia
liberarmi dal tuo ceppo
per non esser più tua schiava?

Notte, magnifica crudele notte!
Sappia che mai
potrò fuggir dalla magia.
Senza di lei mai
nulla ci sarà.
E che questa amare lacrime
(ahimé, quanto dolore!)
sulle mie gote calde
son il mio triste omaggio.

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Lady No il 20/10/2007 18:29
    Per me la notte è crudele soprattutto perchè mi illude, mi fa credere di essere grande e speciale, impavida e senza limitazioni. Poi la mattina mi vedo di nuovo per quello che sono: un'insignificante donna-bambina che ancora sogna ma non ha la forza di realizzare i suoi sogni. Grazie del commento, Angelica. Lady No
  • Lady No il 20/10/2007 18:29
    Per me la notte è crudele soprattutto perchè mi illude, mi fa credere di essere grande e speciale, impavida e senza limitazioni. Poi la mattina mi vedo di nuovo per quello che sono: un'insignificante donna-bambina che ancora sogna ma non ha la forza di realizzare i suoi sogni. Grazie del commento, Angelica. Lady No
  • Anonimo il 20/10/2007 18:00
    Anche io sono una figlia della notte, amo tutto di lei, anche se a volte è più crudele, perchè ti lascia tempo per pensare, per poter soffrire in pace.
    Molto bello il tuo inno alla notte.
    Ciao Lady No.
    Angelica.
  • Lady No il 20/10/2007 17:56
    Di nuovo grazie EKIPS. Non sai quanto mi facciano piacere i tuoi complimenti. Lady No
  • EKIPS _ il 20/10/2007 16:09
    Bravissima! Poesia decisa, forte e splendida! Complimenti, un saluto.
  • Michelangelo Cervellera il 09/10/2007 20:01
    Magnifica e crudele la notte. Di notte si pensa molto di più alla nostra vita, miriadi di pensieri attravarseno la mente e noi anime inquiete cerchiamo in essa le risposte, il conforto, ma poi e di giorno tra la gente che forse riusciamo a mettere in atto ciò a cui abbiamo pensato nella magnifica e crudele notte.
    Piaciuta. Michelangelo
  • Lady No il 09/10/2007 18:39
    La mia anima soffre, si, soffre sempre. Ma durante la notte si scopre paladina di se stessa. Per qualche tempo superbamente temeraria, “temerariamente”superba. Adoro la notte e il suo mondo senza limiti. Almeno finché non è mattino…
    Grazie del commento, LadyNo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0