PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La follia

Perché follia bussi alla mia porta?
Trova la tua strada
essa non conduce da me
ed io non ho nulla da offrirti.

Non aspetto ospiti
la mia tavola è spoglia
il mio pane raffermo
ed io non ho nulla da offrirti.

Guarda i miei campi
quest'anno non ha piovuto
il mio grano non è cresciuto
le mie bestie sono magre.

Questa carestia mi ha isolato
i miei amici sono spariti
la mia casa cade a pezzi
ed io mi guardo intorno.

I bei tempi sono volati
con il canto della giovane innamorata
con le foglie al cambio delle stagioni
e tu follia bussi ancora alla mia porta.

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 13/07/2015 22:37
    Versi pregni d'amarezza osservando le macerie della propria vita sulle quali può sempre spuntare un nuovo germoglio che riporta a sperare non per follia ma per speranza.
  • Rocco Michele LETTINI il 13/07/2015 03:27
    Pazzia... per le cose che non tornano... che non soddisfano... che non sostentano... che non danno di che vivere... Acuto quanto sofferto verseggio... Serena settimana Vincenza.

1 commenti:

  • Stanislao Mounlisky il 13/07/2015 21:02
    La follia a volte consiste in una folla... di pensieri...
    Stan

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0