accedi   |   crea nuovo account

Il punto della situazione al 13 Luglio 1015 o 5775

Al primo Gi otto della storia
acquistammo prospettiva d'azzurro ma perdemmo l'oro del cielo

rimase solo in qualche rara sacra icona privata di basilica ortodossa

francescana
dipinta a olio

mentre
il tempo con uno scalpello poco michelangiolesco ci scolpisce il corpo come se fossimo statue di marmo e orti di ossa

forse all'appello divino blocchi di sale veramente lo siamo

Dio
divenuto ormai nello spazio ristretto dei nostri occhi un totale alieno
è
rimasto imprigionato tra muti e fermi dischi volanti

Ogni tanto qualche bambino avvista la Navetta Madre in un manto azzurro profumato di rose

e
le folle accorrono

lacrime di sangue
speranti in una miracolosa porta in clemenza di cielo

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

è 2015 ... ma poco importa.. cosa sono mille anni.. un regno?


2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 13/07/2015 06:19
    La mancanza di spiritualità è di sicuro un grave problema che fa proseliti fra gruppi estremisti in cerca di valori. Hai fatto bene a segnalare il disagio attuale.
  • Rocco Michele LETTINI il 13/07/2015 06:19
    Acute metafore da captare... Diligente quanto indicativo verseggiar... Serena settimana Vincenzo...

1 commenti:

  • Marysol il 14/07/2015 00:30
    Buonasera Vincenzo, per l'eternità mille anni son solo un soffio... noi lo siamo davvero campi sterili all'amore... il consumismo e il quotidiano, ci portano via...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0