accedi   |   crea nuovo account

Confessione

Sarà quello che sarà
non ho paura del buio.
Sono ancora a quel bivio,
colpa sarà della mia cecità.

Ho vestito il nero saio,
ho coperto il mio volto,
la mia anima ho così avvolto,
per pesarla su questo staio.

Ciò che ho amato è andato,
ha lasciato solo pene,
eppure vissi con tanta speme,
ora con i ricordi sono abbandonato.

Non più cuore nel mio petto,
lo dico e grido al mondo.
Non c'è più quel bimbo biondo
degno non sono più dell'antico rispetto.

Rubo amore, se posso, è così passo.
Lascio sempre speranza nel nulla,
nascondo questa anima brulla,
attendo l'ora del mio trapasso.

Speranza nel futuro è cosa vana,
vivere nei paterni principi, maledetti
che nella vita io credetti.
Sarebbe stato meglio nascere puttana.

Ho dato tutto e chiesto poco.
Caricato mi sono delle altrui pene.
Beato sono tra quelle genti serene,
nel donare loro il calore del fuoco.

Ora è tempo del profondo riposo,
sono ancora chiamato ad ardui affanni,
ma sono trascorsi, ormai, i miei anni.
Perdona me e l'animo mio tenebroso.

Colpevole sono di rubare carezze.
Riempire voglio la vuota anima.
Bere ancora la salata lacrima
e sublimarla, infine, con ardue promesse.

Perdono chiedo, per i peccati
Punizione mi aspetta
che il mio animo rispetta.
Vivere vuole in quei tempi andati

Nati siamo per amare e soffrire,
speranza sola innanzi ci porta.
Col tempo la carne si è corrotta,
e pronti siamo per morire.

 

3
5 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 15/07/2015 06:23
    Poesia-confessione dalla quale emerge un insieme di pensieri e considerazioni. Sulle montagne russe di questa nostra vita.
  • Verbena il 14/07/2015 23:38
    Tutti i miei complimenti caro Breus, per questo tuo componimento. Un verseggio che scaturisce dall'anima e ne mostra in modo totalmente trasparente, tutta la ricchezza, la profondità. Nel pentimento sincero il perdono è concomitante, come la morte e la risurrezione. Ogni volta che l'anima muore in Cristo Signore, risorge a nuova vita e ogni mancanza, ogni dimenticanza vengono cancellate. Che il tuo cuore trovi la quiete tra le braccia amorose di chi ti ama; Siamo sempre amati anche se non ne siamo sempre sicuri. C'è sempre qualcuno che ci ama!
  • frivolous b. il 14/07/2015 13:21
    Una poesia che sento mia e fortissima, nonostante il tono classicheggiante.

5 commenti:

  • giuseppe gianpaolo casarini il 15/07/2015 11:14
    Un gran bel poetare che a forti riflessioni porta..

    ggc
  • Breus il 15/07/2015 07:22
    Grazie Verbena
  • Breus il 14/07/2015 20:49
    Grazie per i commenti
    Breus
  • Rocco Michele LETTINI il 14/07/2015 14:50
    Il Signore é sempre pronto a perdonare... È il tuo ricrederti che cancellerà ogni tuo atto compiuto malevolmente... Era soltanto frutto della debolezza umana..
    La tua sincerità ti eleverà.
  • giuseppe gianpaolo casarini il 14/07/2015 13:56
    Accorata, bella e intensa introspezione-confessione poetica!

    ggc

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0