accedi   |   crea nuovo account

Il mattino infranto

Si è infranto il mattino
sanguinante tra i cipressi stanchi
perfetto e malinconico spettro
di una infelicità soprannaturale

Si è infranto il mattino
ed ho cercato inutili liriche
nella memoria estinta dei padri
che ancora oggi vegliano anime morte

Si è infranto il mattino
tra le braccia di una zingara perplessa
dissolta nel suo patetico carrozzone
tra cento figli sporchi di menzogne

Si è infranto il mattino
affogando le spoglie di uomini infelici
naufragati in piccole pozze asciutte
girovaghi saltimbanchi della vita.

Si è infranto il mattino
ferendo gli spiriti irrefrenabili
che vagano per la foresta incantata
sussurrando emozioni disperse

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 16/07/2015 06:54
    Bellissima Alessandro.. sì è infranto il mattino.. ancor prima di uscire dal nostro crepuscolo...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0