PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il potere perduto delle parole

Mi hanno tracciato una linea metropolitana
nel freddo nel distante nell'assente
mentre io vorrei vedere l'alba luccicare nei Tuoi occhi

è vero
c'è una parte di me la più volatile
che una volta afferrato un fiore vorrebbe trapiantarlo in cielo in un vasetto di
terracotta
e
magari posarlo sull'altarino degli dei

- se penso a Rino e al suo cervello divorato dall'alzheimer dei perché mi vien da piangere e da vomitare -

l'altra parte
situata nella bocca più oscura dello stomaco rimane aggrappata alla gamba del tavolo
e vorrebbe terminare il pasto ancor presente nel piatto

non conosce altra eternità se non una quaterna di fiori di loto lungimiranti sbocciati su una ruota baluginante dello stagno

Una volta le parole avevano potere
bastava dire alzati e camminavano anche i moribondi

oggi non valgono neanche a firmare un contratto anche se accompagnate da una stretta di mano

dicono che l'uomo abbia perduto la fede a causa dalla poca luce filtrante dalle abbazie e dagli abbaini e che all'infinito mistero della luna rimangono ad abbaiare con straziante e lancinante passione solo le ante dei cani

anche il più profondo dei nostri Ti amo non muove e non sposta neanche più
una foglia

 

2
1 commenti     6 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

6 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Francesco Andrea Maiello il 17/07/2015 05:54
    E senza più fede... incombe la demenza e l'Alzheimer!
  • Sergio Fravolini il 16/07/2015 14:08
    È vero... un ti amo resta sempre un ti amo.
  • Verbena il 16/07/2015 09:06
    Vorrei abitare in un cuore come quello tuo Vincenzo e veder nascere e suscitare emozioni intense e dolci che ti escono ogni volta come un fiume in piena. ogni frase è un'immagine da fermare nel tempo, con un flash del respiro che leggero ti esce e si propaga all'esterno, dove anime aride e stupite le possano vedere. I miei sempre vivi complimenti.
  • roberto caterina il 16/07/2015 08:02
    È lo stesso processo che ha portato alla perdita della fede quello che ha diminuito il potere della parola, sempre di più...
  • Walter Tresoldi il 16/07/2015 07:52
    Il potere perduto... mi piace.
    Spero che l'altra parte continui il suo pasto e, stai tranquillo, che, anche se di poco e per pochi, l'alito della poesia qualche foglia ancora la muove.
  • Rocco Michele LETTINI il 16/07/2015 05:40
    È il fiore del tuo cuore Vincè che profuma ogni angolo dell'abitato con effluvi d'affetto... Lieta giornata...

1 commenti:

  • Ada Piras il 16/07/2015 14:28
    Forse perchè se ne dicono troppe... ma le tue sono come quei bellissimi di loto...è da tre giorni che mi gira in testa sto fiore... buon pomeriggio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0