accedi   |   crea nuovo account

Milano via Pietro Crespi

Vi era un tempo una bottega
al dieci in questa via, vi era
un'insegna, rossa la scritta,
"Macelleria", qualunque fosse
il tempo o buona o avversa
la stagione, quale poi lo stare
di salute, né febbre né di schiena
mali e dolori seppur spesso
presenti a far d'impedimenti,
mio padre con agil man veloce
ogni mattina la sua pesante cler
v'alzava come tutti i dì nel primo
pomeriggio fuor che nei giorni
di mercato che a quel far mia
madre da sola s'arrangiava,
poi in piedi al banco a tagliar
carne, più spesso magri i giorni
di consumo che quelli la cassa
a rallegrare, ci si accontentava,
diversa la bottega, cambiata
oggi quell'insegna, due assi
stanno a fare mi pare da chiusura,
sarà il sogno di un vecchio oggi
come il bimbo d'un tempo ritornato?
che lì ancor mi sembra di vedere
due care a me figure care una cler
che s'alza e si serra e ancor s'alza,
due visi poi sempre allegri sorridenti,
quanta per anni fatta per il mio ben
da voi fatica e per mia sorella presto
al mondo nel fiore della vita tolta cui
oggi dolce nel sonno le fate compagnia
amati suoi miei nostri amati genitori

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 16/07/2015 12:12
    Un ricordo intimo, e il regalo di una milano nn certo usuale...
  • Vincenzo Capitanucci il 16/07/2015 09:07
    che lì ancor mi sembra di vedere
    due care a me figure care una cler
    che s'alza e si serra e ancor s'alza,
    due visi poi sempre allegri sorridenti, molti bella Giuseppe.. e tutta la fatica fatta per Noi.. amati suoi miei nostri amati genitori

2 commenti:

  • Ada Piras il 16/07/2015 14:41
    Davvero bella... evocativa
  • Rocco Michele LETTINI il 16/07/2015 10:27
    Un doveroso rimembrare... Piacevolmente scorsa. Lieta giornata.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0