accedi   |   crea nuovo account

Una notte al chiar di stelle

Guardo ogni stella con gli occhi ci un sognatore
che ad ognuna da un proprio nome,
una la chiamo Chiarastella mentre l’altra Brillarella
ed in ciascuna vedo un bagliore,
in quel bagliore vedo la vita,
la vita di un uomo che non si rassegnò al suo patrimonio,
il patrimonio di un mondo, sia magnifico, sia insidioso,
il nostro mondo che un tempo fu maestoso,
mentre ora va in rovina,
va in rovina tra ogni tipo di inquinamento
e dell’aumentare del surriscaldamento.

In quell’uomo, però, c’è anche un po’ di speranza
per il mondo a cui diede tanta importanza.

Ecco, ora in una notte al chiar di stelle,
mi trovo a gioire grazie a quell’uomo,
il quale usando la sua costanza
diede a me un po’ della sua speranza,
così fece breccia nella mente e nel cuore di quel sognatore
che vedeva in quel puntino del cielo stellato,
l’amico che aveva sempre desiderato.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 22/10/2007 20:21
    Bella... molto particolare... leggera e delicata!!!
    A rileggerci...
  • Ugo Mastrogiovanni il 16/10/2007 12:27
    Sognare nuovi bagliori per la nostra terra, volerla salvare, rimpiangerla perché cambiata e offesa, ma ancora bella ed affascinante da riempire ancora di speranza. Questo in breve il pensiero che il poeta diffonde in questi versi appassionati e sinceri.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0