accedi   |   crea nuovo account

I naufraghi dei due mondi e dei quattro soli

Si aggrappò a Lei

come
se fosse

l'asse portante di un immenso naufragio

un albero di poppa
di scivolosa cuccagna

una scialuppa di stelle
ed
una capanna incendiata da soli

e
non ci fu
verso
di tempesta

né onda di mare né montagna di terra né fulmini di cielo o resa dei conti

a
fargli mollare presa

a
disarcionarlo

a seppellirlo

a
smembrare e incenerire l'osseo desiderio del loro trasfigurante amore

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0