accedi   |   crea nuovo account

Il bolo

Sei un bastardo
ma lo sapevo già.
Ti avevo conosciuto
in altre vite
e riconosciuto
nel tuo crescere
e non scorrere.
Galeotta è stata la trachea
che sembrava palleggiare
la paura e giocarci a squash
facendola rimbalzare
sulle pareti d'ansia
per non farsi attraversare.
È stato in quel momento
che in un palleggio iberico
il bolo di petto
l'ho stoppato
e trasformato in un boligrafo.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: