PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Guerra

Statue di pietra antiche, sgretolate
immagini senz'anima, annerite;
il tempo non le lava; inaridite
del sangue della vita, son svuotate.

Son rimaste le impronte scellerate
delle orme che han lasciato nella storia;
con lugubri progetti di vittoria
calpestando le genti rifiutate.

Avida gloria, avido potere,
vile superbia, come carro armato
senza orecchi e senz'occhi per vedere.

Buldozer che ha schiacciato ogni bisogno,
annientando ogni essere umiliato;
la dignità bruciata in odio indegno.

Nuvole nere dalle ciminiere,
colombe dal respiro puro esalato
ed accolto lassù nelle alte sfere.

I cielo profumava di bontà,
d'anime andate già all'eternità,
a quel destino buono!

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 26/07/2015 10:01
    Ha un suo respiro e un suo impegno che lo rende non banale e che ci ricorda le impronte scellerate lasciate dalla storia antica, recente e contemporanea.
  • Rocco Michele LETTINI il 26/07/2015 09:24
    Un acuto quanto doveroso verseggio. sempre versi che lacerano il cuore. Lieta Domenica Ver

3 commenti:

  • antonina il 26/07/2015 18:47
    veramente ben scritta, bello lo stile e il testo. Complimenti!
  • Domiziana Gigliotti il 26/07/2015 13:13
    Immagini di storia vissuta descritte con maestria.
  • Verbena il 26/07/2015 11:08
    Grazie per i commenti ma io credo che qualunque cosa si dica su questi argomenti non si mai banale. Le tragedie si commentano anche con il silenzio o con poche povere parole.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0