PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Correntemente

Lasciandosi fluire
nelle correnti della mente

avvitava parole di vita
come
lampadine d'intensa intesa

poi
venne il buio il nubifragio l'oblio
e
dimentico di essere esultante luce d'ente

iniziò

ad
azzannare le cose

invece di osannarle
incominciò a separarle e a condannarle

questo di qui quello di là

finché
in un angolo sperduto del mondo rivide in un calice di cristallo addormentato

la fragranza sorridente del Suo corpo

ed
il mio viso

su di Lei

chino

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/07/2015 10:15
    Ritrovarsi in un paradiso di lucentezza... ove tutto gioisce... Brillante verseggio.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0