username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'impiegata saccente

Quando il lunedì o il mercoledì talvolta
sulle irte scale comunali m'avanzo
tale opportunità di certo va colta
dinanzi agli occhi di rimirare un manzo.

Con gozzo dominante e generose terga
leggiadra volteggi di stanza in stanza
negli astanti tutti l'ammirazione alberga
per le tornite cosce e l'enorme panza.

Nulla ho per mostrarmi al tuo cospetto
io infimo scribano la cui intelligenza piange
eppur mi mostro gonfio in petto
perché la tua superbia l'orgoglio non mi tange

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0