PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La geometria di chi va via

Scorrono i binari dai finestrini di un treno
Come gli stessi fili di quella tela che Elisa
Poche volte chiama vita e troppe volte invece sfida.
Ma ama i suoi ricordi e i suoi trent'anni
Che Pablo invece non ricorda più, ma è lì che è vivo, è vivo.
In mezzo c'è un cuore solo dai battiti lenti
E un digrignare di denti ogni volta che lei se ne va.
Passa l'odore, passa il sapore e la solita domanda: "che senso ha?"
Chi gli racconterà dei domani luminosi, dei forzati riposi
Delle domeniche che piove, dei piedi in riva al mare,
Dei pensieri in cui c'è il sole, chissà chi gli parlerà.
Ma non importa ora, se andava bene com'era,
Se domani sarà una preghiera di ritrovarsi qui,
Con o senza anni, con quelle mille scuse che poi non ci credi mai.

E allora balla: sui miei amori dimenticati,
Sulla felicità dei giorni andati, sul coraggio di non tornare
Sui miei occhi da dimenticare, per non piangere più.
Balla dentro un temporale estivo, sopra l'inchiostro nero
E sui fiori dei soldati, come sugli arretrati che ti raggiungono mai.
Balla sui rumori e sui colori, nelle manifestazioni di chi non ci credeva più.
Balla come se fossimo due zingari, di quelli che sappiamo noi
Per chi ci veda ballare sappia che due zingari sanno anche amare.

La geometria di chi va via se guardi bene è una poesia
La cui rima né Elisa, né Pablo baceranno mai
Ché due anime lontane si cercano non solo a parole
E si aspettano per rincontrarsi, magari e chissà dove.
E allora balla: sui miei amori dimenticati,
Sulla felicità dei giorni andati, sul coraggio di non tornare
Sui miei occhi da dimenticare, per non piangere più.
Balla come se fossimo due zingari, di quelli che sappiamo noi
Per chi ci veda ballare sappia che due zingari sanno anche amare.
Balla e non smettere mai.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Glauco Ballantini il 09/10/2015 14:39
    Suggestioni multipli, tra Dalla (balla balla ballerino) e D'Annunzio (la pioggia del pineto con la reiterazione) e, nel mezzo alla prima parte il De Andrè del cantico dei drogati (chi mi racconterà di domani luminosi/ dove i muti canteranno e taceranno i noiosi..)

1 commenti:

  • Nico Iuliano il 09/10/2015 15:02
    Con piacere ho letto la tua analisi per me che avevo visto solo De Gregori (Pablo e due zingari).

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0