accedi   |   crea nuovo account

Kronikando in acrilico

Distanti, come segmenti spazio-temporali,
nella parte di questo oceano, più profonda.
Vanno cercandosi, per traiettorie che si sfiorano,
quasi unicamente sghembe. Potrebbero incontrarsi
nello scarto di una probabilità su miliardi di milioni...
se lo sapessero, ahimè, si rassegnerebbero, accontentandosi
dell'ebbrezza che dà l'immaginarsi insieme
Io, dalla terrazza dei miei pensieri,
affacciato alla balconata che si confonde
con il blu di ogni senso... seguo distratto il moto curvilineo delle infinite traiettorie.
Non spero, non anelo, non partecipo
ma resto imprigionato
nell'altrui impotenza

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 06/08/2015 09:12
    Se fossimo meno sghembi potremmo incontrarci.. nel blu di ogni senso..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0