PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La carta carbone ( Carbonio)

Chi poteva ipotizzare
che
sotto al nostro scrivere

ci fosse il gioco di una magica carta carbone

scura nel volto
è
la penna della notte

luminosa
nel fedelmente riprodurre il sorgere delle parole si ossigena le ossa su idrovolanti di azoto

ora
nelle miniere del sole la grafite può divenire diamante


attraversare il tunnel della morte ancor prima di essere divenuta mattina

e
della luce matita

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

È interessante guardare su Wikipedia le varie forme allotropiche del carbonio.. sono per l'intendimento una vera mappa del tesoro.


2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 09/08/2015 10:35
    Attento ricercatore di sconosciute nozioni... brillantemente li trasformi in sensazionale poetico.

1 commenti:

  • antonina il 09/08/2015 16:53
    Hai una incredibile capacità di rendere musicale ogni parola, trasformarla e darle un profondo significato poetico. Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0