PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il tempo che manca

Tra luce e pausa
Il nostro alfabeto esaurisce
L'istante in cui tutto
Sembra bello e possibile

Dopo
L'entusiasmo

Dopo
La distrazione

Impariamo a chiedere
Il tempo che manca
A noi stessi

ma

Il vento ha il suono dell'organo
Che canta per la nostra oscurità
Rimane l'illusione di un silenzio turchese
Nei piedi appena bagnati dal mare

 

3
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 10/08/2015 09:15
    il tempo che manca.. tra luce e pausa.. lo troveremo camminando a piedi nudi sul bagnasciuga del mare..(Nei piedi nudi appena bagnati dal mare) wow che messaggio..
  • Rocco Michele LETTINI il 10/08/2015 08:06
    L'alfabeto ha esaurito la nostra poesia del cuore... non ha più versi da emozionare... da dettare... da interessare... Piacevolmente interessante... Serena settimana.

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 10/08/2015 11:32
    Ottimi versi, colorati dalla visione del mare e dei piedi nudi a contatto con le onte che si infrangono delicatamente sulla riva.
    La luce decora il paesaggio.
    Apprezzata.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0