PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Raso, roso, reso riso

Lo sprezzo mi divora ma
di questo non mi spezzo,
rimango di faccia
al verso disprezzato,
tutto lacero e contuso
lo camuffo nella biro.

Sono storie d'altri tempi,
oggi urli e stretti denti,
il disprezzo mi divora
ma il verso non lo sprezzo,
rimarrà solo mio
e a voi il riso mio
raso, roso, reso riso
e riuso al bisogno!

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 13/08/2015 10:55
    Un gioco di parole molto ben riuscito, con un contenuto straordinario che merita il mio plauso tutto.
  • frivolous b. il 11/08/2015 20:08
    Geniale, semplicemente geniale, il mio applauso!

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 13/08/2015 18:11
    AHAHHAHH GRAZIEEEEEEEEE leggo ora per problemi tecnici i vostri bei commenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0