accedi   |   crea nuovo account

Lazzarogetto

Getto poesia
trascorre la notte
potessi rinchiudermi
vita mia
nei versi

più al sicuro
dal precario tremolio
di lucette che si spengono
poi certo è vero
che scrivo sempre
in negativo
dove è Falcone
è Inverno

Questa sosta io non la prendo
mi trattengo in astro a stento
ma del resto
in linea di tombe in letto
provo la morte per sette ore
e dopo mi sveglio

Lazzaro, Cristo, Scintilla

il gesto che riprendo

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0