PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'indifferenza

La campana suona a morto,
suona a morto a chi è risorto,
chi è risorto non l'hanno visto,
forse in mezzo a tutti è misto.

La campana suona a morto,
prima e dopo il funerale,
così a farci male,
tanto il mondo va uguale.

Uguale e sempre male
per colpa di un Carnevale
dove ballano solo in pochi
e quei pochi neanche buoni.

La campana suona a morto,
chi è morto non si sa
l'importante che sia più là!

 

3
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 18/08/2015 14:40
    L'eterno enigma, chi sta meglio il morto o chi resta vivo? A lutto i tocchi de la campana batton, ma non si sa effettivamente per chi resta o per chi parte! Comunque bravissima.
  • Rocco Michele LETTINI il 17/08/2015 07:39
    La campana suona a morto terreno... ma Lui è lassù circondato da Angeli in corno che gli cantano_mostrando le armonie del Paradiso...
    Tanto riflessiva e' sì indicativa poesia Silvia. Lieta settimana.
  • Vincenzo Capitanucci il 17/08/2015 05:26
    La campana suona a morto.. di quel suono lento.. cupo.. con quei battiti distaccati gli uni dagli altri.. come se si fossero staccati dai loro suoni come pezzi di carne dall'anima delle cose .. e da un infinito carnevale.. per poche maschere danzanti e non molto buone.. Per chi suona la campana.. non si sa.. per uno del paese.. o della città .. forse lo conoscevi o forse no.. ma te ne sbatti.. ma se la senti vuol dire che non sei Tu è più in là .. e capisci che la Tua carne vale ancora.. molto bella Silvia.. cerco di seguirti.. nei Tuoi commenti creativi..

4 commenti:

  • silvia leuzzi il 23/08/2015 12:05
    Grazie Gianni davvero un bel commento. Un abbraccio
  • Gianni Spadavecchia il 22/08/2015 14:58
    Anche dopo un avvenimento triste il Mondo va avanti e la vita scorre, tocca a noi essere bravi e furbi, tanto da saper andare avanti e cavarcela come i "cattivi".
    Bella, quasi una confessione al tempo, più veloce di tutto il resto. Implacabile, inevitabile.
  • silvia leuzzi il 19/08/2015 08:34
    Grazie molto gentile come sempre Pompeo un abbraccione
  • silvia leuzzi il 17/08/2015 08:03
    Caro Vincenzo ottimo, uno scambio emotivo di cui abbiamo bisogno, grazie. Grazie a te Rocco sempre attento e gentile con tutti ma con me ancor di più. Ancora auguri per ieri.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0