PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Torbidi destini

Senza volerlo
il tempo l'ho fermato.
Inchiodato in quei luoghi,
disegnato su volti,
perduto dentro sguardi
oggi senza più età.

Non ero pronto.
La mia paura imberbe
pervase tutti. E spinse
noi verso torbidi destini.
Non mi rassegno ancora.
E senza sosta
ancora scavo. Invano,
cadendo dentro trappole di fango.
E faccio male a me,
non solamente.

Pronto non sono ancora.
Cerco ombre di memoria,
fossero solo pure
lampi d'odio.

Sarei comunque vivo.
Temo - e spero - il silenzio.
Soltanto e sempre questo.
Altro non so più fare.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 18/08/2015 04:30
    rimpianto per un tempo che fu, piaciutissima
  • Ugo Mastrogiovanni il 17/08/2015 10:26
    Stile dai toni pacati e tenui che il poeta ha scelto per una riflessione personale di tutto rispetto. Ottimi versi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0