accedi   |   crea nuovo account

Madre

Se le aquile non sapessero volare
il mio amore per Te rotolerebbe
lungo tutto il perimetro del mondo.

Le mie vene vedono scorrere quel sangue
che alle origini era sangue tuo.

Madre mia, come una Madonna
ti contemplo in questa fase di difficoltà.

Rivedo come lampi festosi
gli albori della vita trascorsi vicino al tuo fianco.
Come preghiere inesaudite i tuoi desideri sul mio futuro
infranti da un destino crudele.

Ho visto mutare il tuo sorriso
nelle mille disavventure che la vita ci ha riservato.

Oggi, così diversi per caratteri ed esperienza
brindiamo a quella felicità che agonizzanti
mai abbiamo smesso di cercare.

E se il domani mostrerà ancora
la sua faccia peggiore
mai dovremo smettere di lottare.

Perché la vita è il piccolo ed unico regalo
che Dio o chi per Lui ha deciso di donarci.
E noi non possiamo far altro
che onorarlo fino in fondo.

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 19/08/2015 16:37
    Un grandioso_adorabile decanto in amorevoli versi. Divinamente straordinario Ferdinando.

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 19/08/2015 18:32
    Ho visto mutare il Tuo sorriso.. ma mai dovremmo smettere di lottare.. sono sangue del Tuo sangue.. Madre.. ..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0