accedi   |   crea nuovo account

Cene nere

Se ho
un volto di cenere

ed
un viso spento

fu per tutte le mie guerre

vinte o perdute

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

splendido Haiku.. Michele.. felice di solleticarti l'anima..


5
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 20/08/2015 07:48
    Un volto bigio,
    un viso senza espressione...
    Scontri nel vivere!

    Più che espressivo... il tuo ineguagliabile verseggio.
  • roberto caterina il 20/08/2015 07:43
    Cene nere come sere nere? Polvere che resta in attesa di rinascite.

2 commenti:

  • Rocco Michele LETTINI il 20/08/2015 10:33
    Scusatemi:
    il verso UN VISO SENZA ESPRESSIONE (verso ottonario)
    va sostituito con UN VISO NON SEMBIANTE
  • Anonimo il 20/08/2015 07:49
    Anche una guerra vinta lascia spazio a un'amara cena...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0