PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Te lo ricordi?

Ti ricordi
quando al mattino ci si trovava guancia contro guancia,
in un letto qualunque,
a far finta di essere ancora addormentati
come meteore di stella che vanno a spegnersi
in un angolo nascosto del paradiso?

Te lo ricordi? Oppure no?

Forse non lo sai, ma io ti penso.
Non ho terminato mai di farlo.

Cretino. Non mi resta altro che pensare.

Sono passati così tanti anni!

Eppure quei tuoi modi gentili non si possono dimenticare mai.
Proprio mai.

Voglio starmene da solo oggi.
In pace a riflettere.

Che strana la vita, penso.
Oggi sei felice, domani non lo sei più.

È che questa malinconia galoppante s'è presa tutto di me.

E tu?
Chissà come stai tu?

Se sei ancora bella come ti ricordo in quelle mattine?

Ma sì, lo sarai sicuramente.

Penso, mi gratto, sospiro.

Ho ancora in me tutta la forza di ricordarti così vicina.

È una vittoria.
Si!
È una vittoria.

 

2
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Domiziana Gigliotti il 22/08/2015 13:08
    I ricordi non si cancellano, sono salvati nella memoria ROM. Buona giornata
  • Vincenzo Capitanucci il 22/08/2015 07:24
    Ho ancora in me tutta la forza di ricordarti così vicina.

    È una vittoria.
    Si!
    È una vittoria.

3 commenti:

  • Francesco Catalano il 20/02/2016 18:27
    mi sono commosso, sto vivendo una situazione simile anch'io. buona vita
  • denise il 22/08/2015 09:52
    stupenda la chiusa! bellissima poesia complimenti
  • Anonimo il 22/08/2015 04:57
    Un finale originale e molto significativo per un ricordo ostinato che ferisce, che sembra procurare dolore ma che allo stesso modo resta importante e intoccabile...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0