accedi   |   crea nuovo account

Il viaggio

"Movesi vecchierel canuto et bianco".

Pur io vengo a Roma. In treno.
Con il treno dell'Italia mezzana.

Non è per Veronica o Berenice:
anche se il viaggio è da medio evo,
la speranza di vedere il tuo volto
non in Vaticano,
ma sia pure alla Garbatella,
apre dighe alla mia adrenalina
così che il vecchio cingolato
si trasforma in sidereo vettore.

Ti vedrò in uno specchio,
riflessa, ancora irreale,
virtuale come sempre.

Vedrò la sequenza dei bit e dei pixel
danzare per le vie di Roma;
inseguirò le losanghe del sogno
testardo, fino alla follia.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Gino il 24/09/2015 21:27
    da letture attente commenti chiari e precisi.
    Grazie Chiara, sei tu una bella sorpresa.
  • Chira il 24/09/2015 18:54
    Come Petrarca per Laura tu vieni nella mia Roma forse per follia d'amore... Vaticano e Garbatella ed ecco Roma uscire dai tuoi versi!
    Cosa siano i treni da Roma in giù ormai tutti lo sappiamo bene ma la voglia di lei è tale che "il vecchio cingolato" si trasforma in "sidereo vettore"... Bella bella!
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0