PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

T'amo

E se il pensiero vagola nel buio
-le mani abbandonate in grembo-
Tu mi risvegli dal torpore antico
e in un attimo spalanchi la finestra

Da sempre t'amo
come può amare una misera creatura
un verme che striscia sulla nuda terra
e tenta di darsi ali per volare

Se ho dubitato pesante di materia
-scialle di piombo gravato sulle spalle-
-miopi gli occhi fissati ai piani bassi-
mai a lungo nel buio mi hai lasciato
da notti insonni è nata sempre una luce
che sicuri alla meta ha indirizzato i piedi

Nonostante il rosso infanghi acque e cuori
bacio i tuoi piedi piagati e affaticati
per l'immane deserto attraversato
bacio la pelle d'ebano bruciata dal dolore
le braccia protese verso la speranza
i tuoi bimbi stretti nell'ultimo abbraccio
e... ti chiedo perdono per aver esitato
a dirti "t'amo" fratello

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 01/09/2015 19:18
    Un plauso floreale per questa tua sensazionale.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0