PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Alle 5 del mattino

Mentre scrivo sono qui nella mia stanza
seduto sopra una notte di particelle buie

vado
e non vado da nessuna parte

entro
e
non entro nei caseggiati dei pensieri

torno
e
non torno da lunghi silenzi

leggermente
brillo

barcollante d'amore
parlo con la luce di un ultimo lampione ancora acceso

ed
ho voglia di piangere e di baciarti sulla bocca per non lasciarti andare via
oh notte

 

3
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 24/08/2015 07:45
    Il risveglio per alcuni è indesiderato. Un'altra tormentata quotidianità bussa alla porta? Straordinarietà nell'elaborazione...
  • roberto caterina il 24/08/2015 06:32
    La notte è una amante spesso infelice che ci lascia al ritmo di una vecchia canzone (tipo l'uomo in frac?).

3 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 24/08/2015 10:29
    Un amaro "arrivederci" ad una notte che porta consiglio, compagnia e conforto.
    Piaciuta.
  • antonina il 24/08/2015 07:19
    una notte che abbracci anche se i pensieri non sono produttivi... una notte che lascia confusi... eppure la notte l'adori. un caro saluto.
  • Anonimo il 24/08/2015 07:03
    La notte buia ma così affascinante da non volere se ne vada... romantica... leggermente brillo... lampione... mi ricorda Pierrot...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0