PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il primo incontro

Nove di mattina. Lui naviga su facebook,
appena sveglio, con le tapparelle ancora abbassate.
Non ha fatto un gran sonno quella notte,
troppe zanzare e ha avuto pure un incubo.
Ha sognato che alla macchina si rompessero
i freni in una discesa ripidissima, mentre
fuori pioveva. Aprendo le tapparelle da fuori
penetra un sole ancora pallido e c'è freddo
quella mattina. Poi vede lei, una nippo-coreana
sui quarantacinque, affacciata alla finestra
con la vestaglia completamente slacciata.
è la nuova vicina di casa. Si guardano, lei
istintivamente si lega la vestaglia, poi
timidamente sorride. Lui decide che nel pomeriggio
andrà a farle una visita.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 26/08/2015 12:40
    Un po' di realismo non guasta. Straordinariamente indicativa.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0