PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Maggiore età

Mi sono svegliato poco dopo dell'alba.
Lo capisco dai colori del cielo. Erano
pallidi, non ancora saturi di sole.
Mi sono svegliato comprendendo che è
passato troppo poco tempo da quando bisognava
scegliere. Ma cosa? E perché farlo adesso?
Sento gli uccelli fischiettare. Si muovono
sincronizzati, come ballerine perfette.
Bisognava scegliere adesso per far sì che il futuro
non sorpassasse il presente. E io ho scelto
il meglio. Ho scelto il meglio per me e per tutto
quello che mi circonda. Osservo il grande pino
che brilla di una luce ora più corposa.
è la stessa luce che mi fermenta dentro.
Finalmente uomo. Finalmente vivo.

 

2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 27/08/2015 10:13
    quando scelgo per il meglio.. o il meglio sceglie per me .. la mia visione cambia.. la luce diventa più corposa.. bagna e avvolge ogni cosa come un fiume .. ed è la stessa luce. che sta fermentando dentro di me.. ... e mi sento ... vivo..( finalmente... sta finendo la gravità della mente )
  • Rocco Michele LETTINI il 27/08/2015 10:10
    I tuoi versi sono una favola di vita da riflettere...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0