PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Di quando la poesia ci toccò il cuore

Avvinto nell'abbraccio di Morfeo
consegnai la mia anima al silenzio più profondo
ancor ignaro di cosa fosse la realtà o il sogno
sentii la tua mano sfiorarmi come piuma
il tuo respiro farsi aria per i miei polmoni
gli occhi tuoi scintillar come firmamento.

Un brivido mi scosse come sveglia
sul tuo sorriso voglie ancestrali
io e te ali diverse dello stesso corpo
fuori di noi ci perdiamo in mille vicoli
Anime nude prendono corpo a colpi di dolcezza
attraverso la notte per cogliere la nostra Essenza.

 

3
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 27/02/2016 06:43
    apprezzata... complimenti.
  • Paolo Villani il 28/08/2015 09:05
    Dal punto di vista del piacere di lettura è migliore la prima strofa; ottimo il messaggio della seconda, noi possiamo essere Amore.
  • Vincenzo Capitanucci il 28/08/2015 08:16
    Te e io.. ali diverse di uno stesso corpo.. ali di versi.. e la Poesia ci porta via.. in volo.. verso la nostra essenza.. sparsa tra i fiori della notte..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0