PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dite no alla fame nel mondo e alla parola n'azione divenuta n'ozione di fine del mondo

Se
il profumo del sole si respira in un fiore

l'amore
si raccoglie in una spiga di grano e negli occhi sazi di un bambino felice

Se
ogni vita è diversa da tutte le altre

le morti
e le sorti oziose del mondo sono tutte simili

venne a mancare l'acqua della sorgente

Se
un leone divora una gazzella
fu colpa
del banchettare degli avvoltoi

mi
furono sempre stretti gli stati e depressive le nazioni

Sconfinate
nei vostri cuori

non separate in frazioni l'umanità

dite no
alla fame

alle infrazioni e ai crimini di questo mondo

rovesciate
come dei Gesù nel tempio delle vostre anime

il banchetto
ed
il cambiavalute degli avvoltoi

Vi assicuro

anche se sarà soltanto un vostro piccolo passo interno

avrà dei risultati strabilianti

la Vostra anima
è la casa dove Tutti alloggiano
e
trovano ristoro

Ne va di mezzo la nostra salute

L'estate è quasi finita

 

3
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 30/08/2015 09:17
    Tanti "se" usati con maestria perché attento osservatore del viver nostro. Più che indicativa la strofa di chiusa.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0